SEGUICI
EditRegionSitiAmici

 

INFO MUSEI PAESTUM


museo di paestum

Museo Archeologico Nazionale
Soprintendenza Archeologica di Salerno, Avellino, Benevento
Via Magna Grecia, 919 - 84063 Paestum (Sa) Capaccio (SA)
Telefono

0828-811023(Museo); 0828-722654 (biglietteria); 0828-811016 (Azienda autonoma di soggiorno e turismo di Paestum)

Orario

Il Museo è aperto dalle 8:30 alle 19:30 (emissione ultimo biglietto d’ingresso ore 18:50)
1° e 3° lunedì del mese dalle 8:30 alle 13:40 (emissione ultimo biglietto d’ingresso ore 13:00)

Area Archeologica (i Templi)
è aperta tutti i giorni dalle 8:30 alle 19:30 (emissione ultimo biglietto d’ingresso ore 18.50);
dopo il tramonto la visita è limitata all’area del Santuario meridionale (tempio di Nettuno e Basilica).

IL PARCO E IL MUSEO SONO CHIUSI IL 1 GENNAIO, IL 1 MAGGIO E IL 25 DICEMBRE


Ingresso Museo e Area Archeologica

  • Biglietto Unico (Museo + Scavi)
    euro 9,00 - ridotto 4,50
  • Biglietto Cumulativo (Museo + Scavi + Parco Archeologico di Velia)
    euro 10,00 - ridotto 5,00
  • Museo (disponibile solo quando gli Scavi sono chiusi)
    euro 4,00 - ridotto 2,00
  • Scavi (disponibile solo quando il Museo è chiuso)                                                             
    euro 7,00 - ridotto 3,50  
  • Biglietto Annuale PAESTUM MIA ( area archeologica + museo + iniziative incluse nel biglietto ordinario)
    euro 15,00 ridotto € 7,50
  • La prima domenica del mese l’ingresso è gratuito per tutti



Il Museo Archeologico Nazionale di Paestum dista circa 92 km dall’aeroporto di Napoli-Capodichino.

* In auto: autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, uscita Battipaglia, variante ex SS 18, uscita Paestum.
* In autobus: autolinee CSTP.
* In treno: linea regionale da Napoli, stazione di Paestum, distanza 1 km dal Museo.

 

Il Museo Archeologico Nazionale di Paestum è sorto nel 1952 all'interno della città antica. Inizialmente era costituito da un'unica sala, dall'aspetto architettonico esterno di scuola piacentiniana, costruita sulle dimensioni della struttura che riproduceva il primo Thesauros del santuario di Hera. Questo nucleo originario fu successivamente ampliato e furono predisposti nuovi ambienti, costruiti intorno ad un giardino interno e con vetrate aperte verso l'esterno. Il nuovo allestimento del museo documenta l'evoluzione e le trasformazioni della città, dalla fondazione della colonia greca tra la fine del VII e gli inizi del VI secolo a.C. fino all'istituzione della colonia latina, illustra le trasformazioni nell'organizzazione sociale e pubblica, i riti religiosi, gli aspetti della vita quotidiana, l'arte e l'artigianato. Una sezione introduttiva ricostruisce la storia della scoperta del sito archeologico, un'altra sezione è dedicata alla preistoria.

 

Altre info su http://www.paestumsites.it

 

Poseidonia fu colonia greca fondata alla fine del VII sec. a.C. dai Sibariti. Conquistata alla fine del V sec. a.C. dai Lucani, nel III sec. a.C. divenne colonia latina col nome di Paestum. Protetti da 5 km di cinta muraria pentagonale, si ergono gli imponenti templi dorici, risalenti al VI e V sec. a.C.: la Basilica di Hera; il tempio di Nettuno o Poseidon e il tempio di Cerere. La Basilica è il più antico dei templi di Paestum: si alza solenne, con le colonne doriche del porticato, orientato a est. L'esempio più classico e perfetto del tempio dorico del mondo greco è il Tempio di Nettuno.All'estremità settentrionale della zona sacra sorge il Tempio di Cerere, dedicato ad Athena. Gli scavi riguardano una vasta area della città con altri grandiosi edifici come le terme, il portico del foro, l'anfiteatro.